Branca R/S

Clan "Wanderlust"

Il Clan “Wanderlust” ha sede presso la Parrocchia San Martino ad Alpignano e si rivolge a ragazzi (Rover) e ragazze (Scolte) tra i 16 e i 21 anni. I giovani dai 16 ai 17 anni vivono un anno particolare (definito anno di Noviziato), mentre quelli dai 17 ai 21 anni vivono i loro anni di servizio nella Comunità di Clan: tutti insieme fanno parte di una sola unità che si chiama Branca R/S.

Il Noviziato è il periodo che ha inizio appena dopo il cammino nel Reparto. Il novizio approfondisce il modo di vivere dello scoutismo in un’età in cui la capacità di scegliere diviene fondamentale,come fondamentali diventano principi quali  solidarietà, altruismo, legalità, democrazia, antirazzismo;  lo stile educativo sarà mirato a spendersi per aiutare chi vive in situazioni di marginalità e disagio.Vengono coronati, in questo modo, gli insegnamenti impartiti durante la fasi precedenti del percorso di crescita scout.

I Capi Clan e i Maestri dei Novizi organizzano attività che stimolano la riflessione personale, la crescita dell’individuo e la maturazione della propria responsabilità e delle proprie competenze.

Cosa fanno gli R/S? I ragazzi si incontrano in riunioni infrasettimanali, vivono esperienze di volontariato oltre che uscite all’aria aperta. Il motto della Branca è “Servire” per cui viene proposto loro un modello di vita nel quale sono chiamati a servire il prossimo.

La forcola è il simbolo principale della branca ed è una specie di Y. Essa rappresenta la necessità di saper decidere la strada che si vuole percorrere nella vita, quando ci si trova davanti ad un bivio.

La Partenza è il momento con cui un Rover o una Scolta conclude il proprio cammino educativo nell’ambito dello scautismo.
Con la Partenza una persona dichiara di essere capace di fare delle scelte significative per la propria vita (Scelta di Servizio, Scelta di Fede, Scelta Politica), rimanendo sempre fedele alla Promessa Scout e alla Legge Scout testimoniando il proprio essere Scout Cristiano Cattolico.
Alcuni, dopo aver preso la partenza, chiedono di rimanere nell’associazione AGESCI come capi, cioè come adulti educatori. A differenza di quanto si potrebbe pensare, questa decisione non è scontata e dipende dalle attitudini personali.

indexWEWEWEW

"Il vero modo di essere felici è quello di procurare la felicità agli altri.